1 Isole immersive: un modello argoviano

Grado
Ciclo 1 Ciclo 2 Ciclo 3
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11
Lingua(e) francese, adattamento possibile per altre lingue
Autrice Claudine Brohy

Attuazione progressiva dell’insegnamento bilingue

L’insegnamento delle lingue e quello delle discipline dette non linguistiche non sono mai del tutto separati. Nell’insegnamento delle lingue sono sempre integrati contenuti di altre discipline, in particolare della cultura, della storia, della geografia, dell’ambiente o dell’economia, e, viceversa, nel corso di lezioni di discipline non linguistiche si sviluppano competenze linguistiche, come quelle ricettive e produttive, sia orali che scritte, informative e argomentative o lo sviluppo del vocabolario specifico della disciplina. Comunque la valutazione delle competenze rimane ancorata alla disciplina di base: le competenze linguistiche vengono valutate nelle discipline linguistiche e le conoscenze delle discipline nei rami non linguistici. I contenuti connessi assicurano tuttavia una funzione complementare importante.

L’immersione o l’insegnamento bilingue, con i suoi modelli multiformi e plasmabili, integra proprio gli aspetti delle discipline e quelli linguistici. Tuttavia i modelli bilingui conseguenti, con un tempo d’insegnamento importante nella lingua seconda e con certe discipline che sono insegnate quasi completamente e per un lungo periodo in questa lingua, richiedono una preparazione lunga e minuziosa.

Un modo flessibile per integrare la lingua di scolarizzazione, la lingua seconda o straniera e la disciplina in questione consiste nell’insegnamento bilingue durante determinati periodi sotto forma di moduli bilingui, di sequenze bilingui o di isole immersive («îlots immersifs» o «immersive Inseln»). Queste isole, che all’inizio possono durare anche solo qualche minuto, permettono di aumentare la motivazione degli allievi – ma anche quella degli insegnanti – per la lingua seconda o straniera, poiché danno l’occasione di concentrarsi più sul contenuto che sulla forma, di utilizzare documenti scritti, audio e visivi autentici e di facilitare la collaborazione tra gli insegnanti di lingua e quelli di altre discipline. Permettono anche una progressione nella durata dell’esposizione e nel grado di complessità della materia trattata. Gli allievi sono incoraggiati ad utilizzare le due lingue in questione per abbozzare il senso e a fare confronti tra le lingue. Nel quadro della didattica del plurilinguismo, la didattica delle isole immersive viene sempre più integrata nella formazione iniziale e continua degli insegnanti del livello elementare e secondario presso le Alte scuole pedagogiche e le università (si veda il capitolo Ponti tra le lingue).

Le isole immersive nel Canton Argovia

Questo insegnamento interdisciplinare, che si imparenta alla didattica del plurilinguismo e dell'insegnamento bilingue, può essere svolto a qualsiasi livello scolastico. Può essere attuato da singoli insegnanti nel quadro di un progetto di classe oppure essere realizzato nel contesto di progetti di scuola, come nel caso delle scuole elementari e secondarie del Canton Argovia all'inizio dell'anno scolastico 2012–2013 per il francese come lingua seconda nel quadro di un progetto pilota (cfr. Freytag Lauer et al. 2015). Le discipline interessate sono la geografia, la matematica, le arti visive e lo sport. L’insegnamento in isole immersive richiede la preparazione e lo svolgimento di fasi precise. In un primo momento in base al piano di studio gli insegnanti scelgono la disciplina, la materia e le sequenze che si prestano all'insegnamento bilingue. Informano la scuola ed i genitori e determinano una fase introduttiva in merito al progetto bilingue ed una fase di realizzazione (Freytag Lauer et al. 2015: pp. 85–86). È anche possibile far precedere una fase di attivazione nella lingua di scolarizzazione per mobilitare le competenze pregresse e per stabilire il collegamento con la sequenza pianificata. Durante la fase introduttiva si inquadrano e si mobilitano piuttosto le competenze ricettive, mentre nella fase di realizzazione sono sollecitate anche le competenze produttive.

Le scuole del Canton Argovia hanno deciso di non valutare gli allievi con delle note. Tuttavia si possono utilizzare forme di valutazione per i contenuti che richiedono un uso minore della lingua straniera, oppure si possono realizzare test nella lingua di scolarizzazione, cosa che garantisce anche il trasferimento tra le due lingue. Per controllare la qualità delle isole immersive, si misureranno le attitudini degli allievi e la loro accettazione, ma per la maggior parte del tempo gli allievi apprezzano di poter variare l'apprendimento e di poter comunicare e agire nella lingua seconda nello svolgimento di attività scientifiche, artistiche e sportive.

Si trova una descrizione completa del progetto con il materiale didattico, le valutazioni degli insegnanti coinvolti e numerosi esempi nelle classi di tutti i livelli su www.schulen-aargau.ch.

Consultate i riferimenti bibliografici sotto «Che cosa ne dice la ricerca».

L'esempio completo da scaricare

Isole immersive: un modello argoviano (pdf)
Che cosa ne dice la ricerca (pdf)

Questa pagina in: Deutsch Français

Ultimo aggiornamento di questa pagina: 08.05.2019

Services

Job