Gestione dell'eterogeneità

Nella loro routine scolastica gli insegnanti si confrontano con diversi aspetti dell’eterogeneità – differenti motivazioni, differenti stili di apprendimento, differenti capacità. Può anche capitare che in classe vi siano alunni che a casa parlano ogni giorno la «lingua straniera» da apprendere. In questo capitolo vengono affrontate queste problematiche. Quattro insegnanti mostrano come gestiscono il tema dell’eterogeneità nella loro classe e come tentano di accompagnare l’apprendimento di tutti gli alunni individualmente.

  • 1 In classi eterogenee: Chef de cuisine

    Autore: Michael Wirrer, da un’idea di Alexandra Hug
    Grado: 9° anno della scuola dell'obbligo, adattamento possibile per altri gradi
    Lingue: francese, adattamento possibile per altre lingue
    Chef de cuisine

  • 2 Madrelingua nei corsi di lingua straniera

    Autore: Michael Wirrer, sulla base di un progetto di Wanda Zurini
    Grado: secondario I e II
    Lingue: tedesco; adattamento possibile per altre lingue
    Madrelingua

  • 3 Insegnare l’inglese in classi di età mista

    Autore: Michael Wirrer, sulla base di materiale elaborato da Silvia Frank
    Grado: 5° e 6° anno della scuola dell'obbligo
    Lingue: inglese, adattamento possibile per il tedesco e il francese
    Classi di età mista

  • 4 Interventi per allievi dislessici o non

    Autore: Michael Wirrer, sulla base di idee di Sophie Willemin
    Grado: tutti i livelli scolastici dal 1° all’11° anno della scuola dell'obbligo
    Lingue: tedesco e inglese, adattamento possibile per altre lingue
    Dislessia o non

  • Che cosa ne dice la ricerca

    Autore: Michael Wirrer
    Gestione dell'eterogeneità: Che cosa ne dice la ricerca (pdf)

  • Scaricare il capitolo

    Tutti i contenuti del capitolo «Gestione dell'eterogeneità» in un documento
    Gestione dell'eterogeneità (pdf)

Questa pagina in: Deutsch Français

Ultimo aggiornamento di questa pagina: 03.05.2018

Services

Job