1 In classi eterogenee: Chef de cuisine

Grado
Ciclo 1 Ciclo 2 Ciclo 3
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11
Lingue francese, adattamento possibile per altre lingue
Autore Michael Wirrer, da un’idea di Alexandra Hug

Differenti competenze linguistiche e informatiche

Alexandra Hug, docente di scuola secondaria a Rorschach (SG), ha scoperto la sua passione per la lingua francese durante un soggiorno in Francia nei tempi della scuola media. Ispirata dagli insegnanti di lingua del posto, ma anche da corsi di approfondimento e perfezionamento, è stata incoraggiata a differenziare la lezione ben oltre il materiale didattico disponibile, in modo che gli alunni potessero apprendere la lingua francese in maniera comunicativa e autentica, nonostante le notevoli differenze delle loro competenze linguistiche e della loro motivazione.

La docente era comunque anche consapevole del fatto che accanto alla motivazione all’apprendimento, nell’insegnamento andavano tenute presenti anche le condizioni formali generali previste dalle scuole del livello secondario II e che occorreva quindi esercitare le abilità linguistiche di conseguenza. Ha pertanto combinato il lessico, la scrittura di testi e la comunicazione verbale con giochi di ruolo, lasciando che gli alunni redigessero dialoghi propri su determinate tematiche e che li inscenassero. L’iniziale ripresa video dei dialoghi ai fini della valutazione si è evoluta nel tempo diventando una nuova forma didattica in cui gli alunni hanno iniziato a filmare ed editare autonomamente i prodotti delle loro comunicazioni verbali. Il ricorso ai media attuali e ai moderni mezzi di comunicazione ha poi completato la lezione di francese in modo intelligente e creativo.

Rappresentazione scenica con supporto linguistico

Volevo rendere più vivaci le lezioni di francese sul tema del cibo non solo presentando ad esempio la ricetta della salade bretonne (Envol 7, unità 3, p. 48) ma dando agli alunni stessi la possibilità di cercare ricette semplici in francese, di inscenarle e infine di registrarle con strumenti digitali. La mia classe ed io ci siamo fatti ispirare dal tema della cucina ricorrendo ai materiali didattici ma anche ai cartoni animati in francese, come ad esempio ai personaggi di Telmo e Tula. Ho affidato agli alunni il compito di cercare in internet ricette semplici in lingua francese (utili ai fini della ricerca sono state in proposito le parole «Cuisiner avec les enfants» e «Recettes faciles pour les enfants»). Quindi ho valutato le ricette sulla base di criteri di fattibilità linguistica e logistica. Successivamente ho lasciato che gli alunni scrivessero i dialoghi sulle istruzioni di preparazione della loro ricetta e anche che la classe decidesse la composizione dei gruppi, tanto che si sono formati gruppi linguistici omogenei ma anche eterogenei. Come supporto linguistico per gli alunni più deboli si è ricorso al testo didattico di base (Envol 7, ibidem) e a dizionari, computer o altri ausili per l’esercizio della lingua o a me stessa in qualità di esperta.

Utilizzo di risorse individuali e interdisciplinarità

Per la realizzazione del progetto «Chef de cuisine» gli alunni avevano a disposizione un totale di tre lezioni di francese, potendo, in questo periodo, lavorare a scuola alla redazione dei loro dialoghi, realizzare i filmati all’interno di aule vuote e quindi editare i loro video sul computer utilizzando un apposito software per il montaggio di filmati (cfr. in proposito il progetto ICT-REV del Centro Europeo di Lingue Moderne ECML/CELV). Il mio ruolo è consistito principalmente nel fornire supporto in caso di problemi linguistici e tecnici. Gli alunni potevano anche utilizzare nel modo che preferivano il tempo messo loro a disposizione e realizzare il progetto durante il tempo libero. Alcuni gruppi hanno così filmato il cooking show a casa con il loro smartphone, montando i filmati con apposite app scaricate da Internet. Il prodotto finale – un’imitazione di un cooking show francese in forma di breve filmato – mi doveva essere consegnato in formato digitale entro una determinata data. Sono rimasta stupita del talento teatrale e informatico nascosto di alcuni alunni che per una volta hanno potuto mettere a frutto le loro differenti risorse nella lezione di lingua straniera.

In seguito abbiamo guardato insieme i brevi filmati e li abbiamo valutati a voce secondo determinati criteri (creatività, lingua e comprensione) (si veda l’esempio 1 Sviluppare griglie di criteri per la valutazione con la propria classe nel capitolo Pratiche di valutazione).

Credo che i miei alunni fossero molto motivati in questo progetto e nel corso di vari colloqui i genitori stessi hanno espresso solo commenti positivi su questa idea. Il successo raggiunto ha motivato la mia classe e me stessa a organizzare altri mini-progetti di questo tipo nell’ambito di una lezione di francese differenziata.

Nei piani di studio e nei materiali didattici

L’idea sopra descritta si basa sul materiale didattico messo a disposizione «Envol 7» e potrebbe essere attuata anche con i materiali didattici recentemente messi a punto per la lingua francese o per altre lingue. Con i dovuti adeguamenti potrà anche essere applicata ad altre tematiche e ad altri livelli scolastici.

I preparativi di carattere scenico-organizzativo di questa idea sono reperibili anche nei piani di studio (cfr. capitolo «Sprachen» nel Lehrplan 21, «Langues» nel Plan d’études romand, «Indicazioni metodologiche e didattiche» nel Piano di studio della scuola dell’obbligo ticinese, lingue seconde).

Anche la combinazione di lingue straniere e informatica a supporto dei processi di apprendimento, con trasferimento nel mondo dei ragazzi, risponde agli obiettivi dei piani di studio (cfr. capitolo «Medien und Informatik» nel Lehrplan 21, «Commentaires généraux du domaine Langues» nel Plan d’études romand, «Indicazioni metodologiche e didattiche» e «Relazioni con i contesti di Formazione generale» nel Piano di studio della scuola dell’obbligo ticinese, lingue seconde).

Consultate i riferimenti bibliografici sotto «Che cosa ne dice la ricerca».

L'esempio completo da scaricare

Insegnamento della lingua straniera in classi eterogenee: Chef de cuisine (pdf)
Che cosa ne dice la ricerca (pdf)

Questa pagina in: Deutsch Français

Ultimo aggiornamento di questa pagina: 10.09.2019

Services

Job