1 Strategie di lettura

Grado
Ciclo 1 Ciclo 2 Ciclo 3
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11
Lingua(e) inglese (modello francese dopo l’inglese), adattamento possibile per altre combinazioni
Autrice Brigitte Gerber

Basarsi sulle conoscenze pregresse

Con questa pratica si utilizzano una parte dei materiali e dei principi proposti in «Brücken zwischen Young World und envol» (Klee & Egli Cuenat 2011). Quando gli alunni cominciano a imparare una seconda lingua straniera, non sono più dei principianti nell’apprendimento delle lingue e possono essere sostenuti nel loro processo di apprendimento, cominciando a costruire il loro bagaglio linguistico sistematicamente basandosi sulle competenze pregresse. In tal modo l’apprendimento risulta più semplice e agevole perché se è possibile stabilire dei collegamenti non bisogna partire da zero. Se poi l’insegnante è a conoscenza degli argomenti trattati nelle altre lingue, può utilizzarli come base, incoraggiando espressamente i suoi alunni a basarsi sul lessico analogo e sulle rispettive strutture linguistiche e ad attivare tutte le strategie che sono state già sviluppate, in modo che possano utilizzare queste competenze. Ci si può anche avvalere delle altre lingue presenti in classe a condizione che gli alunni le padroneggino a sufficienza.

Aiutare gli alunni ad attivare le parole e strategie conosciute

Per imparare il lessico incoraggio gli alunni a ordinare le schede del vocabolario francese secondo quello che a loro è già familiare e quello che non lo è. Questo permette agli alunni di capire cosa sanno già, concentrandosi su ciò che è diverso: sull’ortografia o la pronuncia differente di parole simili, su parole completamente differenti o anche sui falsi amici. Molte parole francesi si differenziano da quelle tedesche ma sono simili a parole inglesi (parole facilmente accessibili). Per tale motivo consiglio agli alunni di indicare sulle schede del vocabolario francese la parola inglese se questo può essere loro d’aiuto nell’apprendere la parola francese, ad esempio piano o forest.

Nello svolgimento di un’attività di comprensione del testo gli alunni possono utilizzare in francese le strategie di comprensione con cui hanno già lavorato in inglese. Particolarmente utile in proposito risulta la strategia di concentrarsi su ciò che comprendono grazie alla lingua d’insegnamento o a un’altra lingua, perché ora dispongono anche delle parole simili all’inglese. È importante aiutare gli alunni ad attivare questa strategia, perché non lo fanno necessariamente spontaneamente, e anche a mantenerla perché con il tempo potranno mettere in campo il loro vocabolario di inglese che diventa sempre più ricco. Quando affrontiamo un nuovo testo, li incoraggio a utilizzare una delle «clés magiques» o «reading keys» (strategie di comprensione scritta) e di sottolineare le parole che già conoscono, per ricavare quindi il senso del testo sulla base di tali parole.

Se si tratta di un fumetto, talvolta glielo propongo con le nuvolette vuote in modo che possano scrivere in tedesco quello che capiscono. Anche la struttura delle frasi inglesi viene loro in aiuto poiché è più vicina al francese. Discutiamo su quali lingue sono di maggiore aiuto. Spesso sono ad esempio gli alunni che parlano spagnolo a scoprire il significato di una parola francese. Nella maggior parte dei casi la classe riesce a comprendere tutto il testo senza il mio aiuto, semplicemente mettendo insieme tutte le conoscenze linguistiche. Gli alunni così si divertono e imparano a sviluppare le loro strategie individuali e anche a lavorare con le lingue di altri.

Nei piani di studio e materiali didattici

Alcuni materiali didattici come quelli del progetto Passepartout, Mille feuilles 3, Clin d’œil, New World ad esempio, sono tra loro coordinati in modo da assicurare la creazione delle necessarie sinergie durante l’apprendimento delle due lingue. In caso contrario l’attuazione dei principi illustrati nei fascicoli Brücken consentirà di assicurare le sinergie perseguite nei piani di studio agendo a vari livelli: vocabolario, strategie di comunicazione e apprendimento, apertura alle lingue e alle culture.

Si veda l’esempio 4 Risorse didattiche per docenti per il passaggio al ciclo di orientamento a Ginevra (capitolo Transizione tra i gradi scolastici) sul ruolo delle strategie per facilitare la transizione.

Consultate i riferimenti bibliografici sotto «Che cosa ne dice la ricerca».

Questa pagina in: Deutsch Français

Ultimo aggiornamento di questa pagina: 10.09.2019

Services

Job