3 Le parole gratis

Grado
Ciclo 1 Ciclo 2 Ciclo 3
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11
Lingua(e) italiano, adattamento possibile per altre lingue
Autrice Brigitte Gerber, sulla base del materiale di F. Antonini, S. Christopher e B. Somenzi-Käppeli

«Italiano subito» è un corso intensivo che consente agli alunni germanofoni di avere un primo contatto con la lingua italiana. I principi del corso possono essere trasferiti a un altro contesto adattandoli alle lingue che gli alunni apprendono.

Parole gratis da utilizzare immediatamente per comunicare

All’inizio della serie di attività gli alunni ricevono un elenco di parole nella lingua studiata che probabilmente sono loro familiari in quanto presenti in altre lingue che conoscono (si veda appendice 1). L’elenco è chiamato Carta geografica perché si può piegare come una cartina. Questa lista di parole gratis è redatta partendo da parole della lingua d’insegnamento (in questo caso il tedesco) o reperite nei materiali didattici relativi alle altre lingue apprese (in questo caso il francese [Lusser & Hermann 2011] e l’inglese [Stotz et al. 2006]), che sono presenti anche nella lingua che si intende imparare (in questo caso l’italiano). L’elenco contiene inoltre espressioni utili in diverse situazioni comunicative che attengono al mondo degli alunni. Si parte prendendo coscienza di queste risorse e apprendendo espressioni utili in maniera mirata allo scopo di acquisire competenze comunicative di base da applicare immediatamente in situazioni pratiche.

Parlare di musica con le parole gratis e prendere così confidenza

Anche gli alunni che non hanno mai parlato italiano conoscono già molte cose di questa lingua sebbene non ne siano consapevoli. Vorremmo che ne prendano coscienza e che realizzino di poter comunicare in italiano molto in fretta basandosi sulle parole simili a ciò che già conoscono e su schemi comunicativi loro familiari. Gli alunni vengono inoltre invitati a fare ricorso ad altre lingue che conoscono mettendo in campo tutte le loro risorse.

Intendiamo aiutarli a fare i primi passi, trasmettere loro fiducia in sé stessi e incoraggiarli a sviluppare un atteggiamento positivo nei confronti della comunicazione in un’altra lingua. Dopo aver appreso come presentarsi in italiano ed essersi esercitati, gli alunni imparano, ad esempio, a dire sin dall’inizio quale musica preferiscono, facendo confronti con il tedesco, il francese e l’inglese. Per questo, gli alunni ascoltano gli estratti di cinque canzoni italiane e indicano innanzitutto se amano o meno queste canzoni. Cercano poi parole gratis in italiano per giustificare la loro opinione, come ad esempio romantico, delicato, elegante, comico, classico, isterico, ecc.. In tal modo riescono a dire molto rapidamente quale canzone preferiscono e perché; ad esempio «il numero due, perché è originale». Alla fine la classe stila una hit-parade (si veda l’appendice 2 «Hit Parade»). Quel che importa è che gli alunni riescano a esprimere rapidamente qualcosa di pertinente che li riguarda in prima persona e a prendere confidenza con la loro capacità di utilizzare una nuova lingua per comunicare.

Agire utilizzando la lingua

La stessa procedura si applica ad altre situazioni comunicative, ad esempio per la preparazione di una pizza in gruppi: alcuni alunni interpretano la parte dei pizzaioli mentre altri danno loro istruzioni su come preparare la ricetta (appendice 3 «Ricetta della pizza»). Dopo aver imparato in breve tempo il nome degli ingredienti grazie alle parole gratis, gli alunni vengono subito calati nella situazione pratica fornendo istruzioni sulla ricetta o seguendo tali istruzioni per preparare la pizza. In questa situazione comunicativa possono già effettivamente compiere un’azione utilizzando la lingua.

Italiano subito è stato sviluppato da Sabine Christopher e Barbara Somenzi-Käppeli e coordinato da Francesca Antonini (DFA SUPSI).

Da parte dell’istituzione

Per attuare i principi didattici qui descritti nel curricolo abituale non è necessario adottare misure particolari. Per il programma completo di una settimana del corso Italiano subito in classe o in Ticino è indispensabile il sostegno della direzione d’istituto. Il programma può essere suddiviso in moduli.

Consultate i riferimenti bibliografici sotto «Che cosa ne dice la ricerca».

L'esempio completo da scaricare

Le parole gratis (pdf, con appendici)
Appendice 1 (pdf)
Appendice 2 (pdf)
Appendice 3 (pdf)
Che cosa ne dice la ricerca (pdf)

Questa pagina in: Deutsch Français

Ultimo aggiornamento di questa pagina: 10.09.2019

Services

Job