2 Fachgruppe Fremdsprachen: un gruppo poliedrico

Grado
Ciclo 1 Ciclo 2 Ciclo 3
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11
Lingua(e) francese e inglese, adattamento possibile al tedesco
Autrice Daniela Kappler

Come riunire docenti rappresentanti tre gradi scolastici e uno accademico e 20 anni di insegnamento delle lingue straniere? Creando un gruppo di materia per le lingue. A Zugo il gruppo cantonale per le lingue straniere si è costituito nel 2012 e fin da subito, accostando più punti di vista, ha messo in agenda diversi temi da affrontare: informazione tra istituti, docenti e istituzioni, passaggio tra gradi scolastici, uso di manuali e strumenti di valutazione, creazione di reti, formazione di base e continua, indagini e raccomandazioni. In particolare, si dedica a «temi caldi» che necessitano approfondimenti e risposte pratiche. Durante quattro incontri annuali si intersecano esperienze e opinioni di docenti avvicinati dopo una ricerca negli istituti del Cantone: due docenti di scuola elementare, due docenti del secondario I, due docenti del secondario II (per ogni grado scolastico un docente d’inglese e un docente di francese), una docente di sostegno e una formatrice in didattica di inglese dell’Alta scuola pedagogica di Zugo (PHZG). È interessante vedere come tale composizione racchiuda un ciclo d’insegnamento, in quanto all’Alta scuola pedagogica giungono studenti/studentesse che hanno concluso il secondario II e vi ci si formano per la scuola elementare o scuola dell’infanzia.

Un tema «caldo»: la valutazione degli allievi

Il gruppo ha individuato alcune desiderata, partendo dall’osservazione di pratiche poco coerenti nelle loro scuole. Ad esempio, delle pratiche di valutazione eterogenee dei vocaboli – da vietati ad esclusivi – o valutazioni che non sempre contemplano le competenze orali nelle scuole con esigenze più elevate e che ostacolano un passaggio positivo (si veda pure il capitolo Pratiche di valutazione). Per venire incontro alle discrepanze il gruppo pubblica i propri o altrui lavori su un sito (www.zg.ch), ad accesso libero, il quale si apre con temi trasversali alle due lingue e procede poi per lingua (francese o inglese), e informa le scuole con circolari sulle nuove apparizioni sul sito. Con questa strategia si cerca di raggiungere e informare in breve tempo più docenti e scuole possibili, anche coloro che intendono instaurare o portare avanti visite o incontri di scambio tra docenti di gradi diversi (con stimolanti indicazioni, BKZ, 2012, p. 46). Il gruppo offre consigli e materiali per attività didattiche o per la valutazione delle competenze alla scuola elementare; tali materiali sono sicuramente utili anche ai docenti del secondario I per ipotizzare le preconoscenze dei loro nuovi arrivati in classe. Per il gruppo è vitale promuovere la consapevolezza nei docenti di scuole del secondario I delle (pre)conoscenze e competenze che (teoricamente) gli allievi si portano con sé dalle elementari. E, con soddisfazione, è stato notato che con l’esperienza i docenti del livello superiore sanno ormai quali competenze (sapere, saper fare e saper essere) gli allievi portano con sé.

Nei piani di studio e nei materiali didattici

Il documento Kohärenz Primarstufe – Sekundarstufe 1 im Fachbereich Englisch (BKZ, 2012) coglie in particolare il fulcro del discorso sulla transizione e costituisce un utile strumento per i docenti del secondario I, poiché permette di identificare le preconoscenze in inglese degli allievi: esso propone infatti un’analisi dettagliata degli argomenti, obiettivi, competenze attivate, strutture, strategie, contenuti nei manuali delle scuole elementari e delle scuole secondarie (da Messages 1, Young World 1-4, Explorers 1-3. a New Inspirations 2 e le sequenze temporali per i due livelli al secondario I). Mentre per il francese non sembra necessaria quest’analisi, siccome con lo stesso metodo Envol (come con Alex et Zoé) – si passa dalla scuola elementare alla fine della scuola secondaria.

Da parte dell’istituzione

I contatti tra i docenti della scuola elementare (Primarstufe) e del secondario I del Canton Zugo avvengono in molti comuni all’interno di colloqui per il passaggio di grado (prima e dopo). Al secondario con esigenze più elevate si svolgono colloqui solo dopo l’inizio del nuovo anno scolastico per riprendere lo sviluppo generale e/o per materia dei singoli allievi. Dopo alcuni incontri o visite, gli scambi non contano tuttora su un dispositivo sistematico per collaborazioni più longeve, anche se auspicate soprattutto con le scuole secondarie con esigenze medie/elevate (Kantonsschule). Nel complesso si è affermato il modello 5/7 nel Cantone e i docenti si attengono alle metodologie dei manuali, o del Lehrplan 21, che ne rispecchiano lo spirito e l’impostazione.

Consultate i riferimenti bibliografici sotto «Che cosa ne dice la ricerca».

L'esempio completo da scaricare

La Fachgruppe Fremdsprachen: un gruppo poliedrico e coeso (in favore del passaggio tra gradi scolastici) (pdf)
Che cosa ne dice la ricerca (pdf)

Questa pagina in: Deutsch Français

Ultimo aggiornamento di questa pagina: 10.09.2019

Services

Job